Edizioni ResGestae

Switch to desktop Register Login

Formato: 14X21
Pagine: 180
Data di pubblicazione: 2022
ISBN: 9788866974086
Prezzo di vendita: 15,20 €
Sconto: -0,80 €
Sconto: -0,80 €

Prezzo:

16,00 €
Prezzo di vendita: 15,20 €
(-5%)

I pionieri della montagna. Prima storia dell'alpinismo

 

 

 

Durante il biennio 1930-1931, il giovane giornalista e alpinista Domenico Rudatis scrisse sulla rivista “Lo Sport Fascista” una storia dell’alpinismo e dell’arrampicamento. Nove puntate su altrettanti numeri, nei quali si disegna un quadro estremamente completo del mondo alpinistico del primo Novecento, dalle discussioni teoriche sui diversi stili e tecniche di arrampicata ai profili e alle imprese dei primi grandi pionieri della montagna. Rudatis è stato uno degli autori di letteratura di montagna più capaci e affascinanti del suo secolo, e quest’opera costituì di fatto il primo tentativo italiano di redarre una storia dell’alpinismo. Un volume imperdibile per conoscere i protagonisti che animavano le imprese in montagna in un’epoca in cui le grandi vette e guglie alpine erano ancora per lo più inesplorate.


Domenico Rudatis
(Venezia, 1898 - New York, 1994) è stato uno scrittore, esoterista e alpinista italiano, teorico dell’arrampicata. Profondo cultore di filosofie e discipline orientali, negli anni Venti e Trenta collabora con la “Rivista mensile del Club Alpino Italiano” e “Lo Sport Fascista”. Fa parte del sodalizio esoterico di Ur. Dopo anni di “silenzio”, in cui lavora nel campo delle telecomunicazioni, pubblica con Reinhold Messner e Vittorio Varale il volume Sesto grado (1971). Per Res Gestae ha pubblicato: Montagne esoteriche. Pratiche di liberazione nell’esperienza alpinistica (2021).